fbpx

LA SETTIMANA DELLA GALLINA DI POLVERARA

LA POSA DEGLI AGRI FESTEGGIA LA SETTIMANA DELLA GALLINA DI POLVERARA CON UN MENU’ DEDICATO Dal 25 novembre al 8 dicembre il ristorante La Posa degli Agri di Polverara, propone uno speciale menù dedicato a questo animale da cortile, ufficialmente riconosciuta come razza italiana di gallina.

Due colori, bianca e nera, un evidente ciuffo in testa, una storia nata nel 1.300, quando il filosofo Giovanni Dondi Dell’Orologio avrebbe portato dalla Polonia dei meravigliosi “polli ciuffati” che in seguito, uscendo dalla tenuta padovana, iniziarono ad accoppiarsi.

La prima antica raffigurazione di una gallina ciuffata, risale ad un affresco del 1397 presente nell’oratorio di San Michele Arcangelo a Padova; nei successivi secoli, questi animali vennero allevati soprattutto nella zona di Polverara. La Razza Polverara è facilmente distinguibile dal folto ciuffo composto da piume (nella gallina Padovana è un’ernia cerebrale), il suo peso varia da 2,8 a 3 chilogrammi per i maschi e circa 2 chilogrammi per le femmine, che hanno una grande attitudine a produrre uova bianche grandi di qualità eccelsa e la loro carne è particolarmente delicata nel gusto.

Gusto che sentiremo nella cucina dello chef Andrea Alan Bozzato alla Posa degli Agri, il primo vero relais di campagna in Italia ed Europa che alleva queste galline nella sua fattoria (assieme ad api, orto e frutta). Il menù gourmet di 4 portate è proposto a € 45 (bevande escluse) e comprende: La Gallina di Polverara in autunno passeggiata tra castagne, cavoli e melograno; i tortellini in brodo di gallina di Polverara, profumi d’anice e stracciatella d’uovo; la coscia di Gallina di Polverara ubriaca in vinaccia di Syrah e spuma di patate allo zafferano. Chiude il curioso dessert “meglio un uovo oggi …”  con cremoso di zucca, crema di mandorle, caviale di cioccolato e topinambur. Il menù, oltre ai menù stagionali proposti sarà in degustazione dal 25 novembre. La fiera della Gallina di Polverara, nel comune di Polverara, inizierà il 28 novembre e finirà l’8 dicembre. Un’occasione veramente ghiotta per scoprire il gusto vero della campagna padovana e questo straordinario animale in cucina.